| Registrati

MENU

CHIUDI

Persa la password? Registrati X

Steve Jobs – Recensione anticipata del Film

Forse troppo segnato dall’impronta di Aaron Sorkin lo Jobs di Fassbender si perde in chiacchiere…

 

Michael-Fassbender-00-Steve-Jobs

Difficile considerarlo un film “opportunista”, come è stato abilmente diffuso lo abbia definito il CEO della Apple, ma di certo lo Steve Jobs di Danny Boyle non sembra nemmeno essere quel film “maledetto” che si annunciava ai tempi dell’abbandono di David Fincher e della rinuncia di Leonardo DiCaprio e Christian Bale. Ma fondamentalmente è un film di Aaron Sorkin, più che di chiunque altro.

Soprattutto perché da sempre è stata la sua sceneggiatura in tre atti lo scheletro su cui il film si è costruito (e si sviluppa), ma anche per la fortissima connotazione data ai personaggi e alle scene tra loro. Grandi confronti dialettici, come nella sua migliore tradizione, una densità verbale da record – sia in quantità sia in qualità – e ininterrotta.

 

steve jobs

Una sorta di maratona non a tutti congeniale, è inevitabile, ma dall’indubbio fascino. E coerenza, considerato quanto il personaggio al centro della vicenda amasse parlarsi addosso. Il rischio semmai è che tanta ‘riconoscibilità’ di una firma del genere possa finire col prendere il sopravvento sulla narrazione per immagini, come in questo caso.

 

pubblicità qui radio

La mano di Danny Boyle si apprezza, soprattutto nelle inquadrature e nel montaggio, anche se tende a scivolare in certi giochi ‘pittorici’ a lui tanto cari, soprattutto in alcune transizioni. Per il resto è molto interessante il cambio di gestione dell’immagine e dello spazio occupato dal protagonista via via che la sua storia viene raccontata: completamente padrone della scena all’inizio, costretto a condividerla – e al confronto, con diversi ‘sparring partner’ – poi. E questo anche visivamente, con l’aumento graduale delle porzioni di schermo riservate agli altri attori nelle scene finali e con una gestione degli scontri che passa dal forsennato alternare primi (o strettissimi) piani con una ripresa più ampia che includa anche la controparte dialettica.

 

trailer-steve-jobs-movie-jan-2016-600x315

Questo ci permette anche di apprezzare sempre di più le figure di contorno, Seth RogenJeff Daniels eKate Winslet su tutti. Principali ‘oggetti’ della nostra empatia – comprensibilmente, considerata la durezza del protagonista – e delle nostre preferenze, nel giudizio. Forse anche per un eccessivo sovrastare il personaggio interpretato, come accade anche per il pur ottimo Michael Fassbender, a sottolineare una direzione che evidentemente si è tenuta alla larga da quel rispetto ‘formale ed esteriore’ che ci aveva allontanati dal precedente jOBS. Peccato non abbia fatto altrettanto con la scelta – a tratti stucchevole – di puntare tanto sulla storia della figlia (e di inserire un paio di ammiccamenti, troppo scontati) nell’accompagnare quella del celebre padre.

Steve Jobs, in sala dal gennaio 2016, è distribuito da Universal Pictures

 

 

 

Ecco il trailer :

 

GUARDA IL TRAILER 

 

 

Potrebbe interessarti anche :

I ruoli che hanno rovinato la carriera dei protagonisti

10 film d’amore anticonvenzionali

 

 

 

 

1395168_693158724028039_1355367337_n 

Ascoltaci ogni giorno e promuoviti con noi!

 

Crea il Tuo Evento - Qui Eventi - 1176 x 720



pm banner laterale articoli

Decora e rifinisci la tua  casa con gusto, affidati ad Artigiani professionisti del settore e realizza oggetti unici studiati su misura per te . Per info : pmdipirinamarco@gmail.com 

 

 

Fonti : Film.it , Web , Youtube

04 Ott 15

Chiudi